di Andrea Davolo • La Rojava è l'esperienza politica che più speranze ed entusiasmo sta generando lungo tutto un settore di attivisti, soprattutto giovani, che vedono in questa esperienza e in questo modello la promessa non solo della sconfitta delle forze reazionarie che stanno dietro l'Isis, ma anche la possibilità più in generale dello sviluppo di un vero e proprio processo rivoluzionario in tutto il Medio Oriente.

Leggi tutto: La rivoluzione democratica nel Rojava. Limiti, potenzialità e prospettive delle lotte del popolo...

di John Peterson • Quasi due volte a settimana, negli Stati Uniti, un nero viene ucciso da un poliziotto bianco. A Ferguson, Missouri, la morte di un altro giovane nero per mano della polizia, è stata una di troppo. La necessità ha espresso se stessa per mezzo di un fatto casuale, e l’omicidio di Mike Brown ha scatenato un’ondata di indignazione repressa attraverso il paese. Le proteste quotidiane e gli scontri notturni con polizia, agenti statali e guardia nazionale hanno inondato i media con scene che ricordano Gaza e l’Iraq dei nostri giorni, o gli Stati Uniti degli anni ’50 e ’60.

Leggi tutto: Sul programma del Partito delle Pantere nere: quale prospettiva per i lavoratori e i giovani neri?

di Alessandro Giardiello • "La tradizione della guerra partigiana, che dal 1941 al 1945, non solo liberò il paese dai nazifascisti, ma diede un durissimo colpo alle forze della vecchia società (monarchia, gerarchie ecclesiastiche, classi dominanti borghesi e agrarie), ponendo le basi per un’epoca di sviluppo che durò trent’anni, deve rivivere oggi su una base più avanzata, liberata dalle scorie dello stalinismo. Solo una nuova rivoluzione può liberare definitivamente le masse dall’incubo di una guerra senza fine. È il socialismo l’unico antidoto contro il veleno nazionalista e l’unica via d’uscita dalla crisi dei Balcani. Chi cerca una soluzione più "semplice" insegue un’utopia che può contribuire solo ad allontanare nel tempo il giorno in cui i lavoratori dei Balcani potranno liberarsi dall’oppressione imperialista e dallo sfruttamento capitalista".

Leggi tutto: Guerra nei Balcani. La lotta all’imperialismo e la difesa del diritto all’autodeterminazione dei...

di Antonio Erpice • Da diversi anni il brigantaggio meridionale è al centro di un interesse crescente. Decine e decine di libri, articoli e siti web vengono di continuo pubblicati con l'ambizione di spiegare il reale corso degli eventi del periodo risorgimentale. Parte importante di questo materiale non aggiunge nulla alle tradizionali tesi a difesa del Regno delle Due Sicilie, ma alla base della loro diffusione vi è il senso di indignazione che provoca il tributo pagato dai meridionali nel processo di unificazione nazionale, a partire dal sangue versato nella cosiddetta guerra al brigantaggio.

Leggi tutto: Quando c'erano i briganti. Ascesa e repressione del brigantaggio post-unitario (1860-1870)

di Roberto Sarti • La questione dell’Irlanda del Nord è da sempre in primo piano per molti attivisti di sinistra e del movimento operaio italiano. L’oppressione plurisecolare dell’imperialismo inglese sull’isola, le migliaia di morti degli ultimi trent’anni, l’ennesimo processo di pace che sta andando in fumo, pongono interrogativi cui cercheremo di fornire una risposta in questo scritto.

Leggi tutto: La questione nazionale irlandese

di Alessandra Kersevan  • Ogni anno, in corrispondenza del 10 Febbraio, il cosiddetto "Giorno del ricordo" istituito nel 2004 e voluto in modo perfettamente bipartisan da senatori e parlamentari di centrodestra e centrosinistra, assistiamo ad un vero e proprio festival del revisionismo storico a beneficio delle idee dell'estrema destra. Un ruolo particolare in questa propaganda viene assegnato alla rievocazione dei presunti massacri di massa compiuti dai partigiani sloveni contro gli italiani durante e dopo la Resistenza stessa. In questa campagna indecente, che si alimenta non solo di falsificazioni storiche spudorate, ma anche di un vero e proprio razzismo antislavo, viene completamente messa in ombra la responsabilità dello Stato italiano nella persecuzione dei popoli aggrediti nel 1941 con l’invasione della Jugoslavia. Per questo motivo, volentieri ripubblichiamo questo articolo del 2004 della storica Allessandra Kersevan, che non poco contribuisce ad una maggiore correttezza nella lettura storica di quel periodo.

Leggi tutto: I campi di concentramento in Friuli

In difesa dell'Ottobre

 

Gruppi di studio marxista

arte e rivoluzione

Teoria e prassi

La nuova epoca

Terremoto BREXIT

Domenica, 09 Ottobre 2016 07:01

i nostri libri

Chi siamo

 

 

 

Ecco il nuovo sito marxismo.net! Accanto a rivoluzione.red, legato al quindicinale Rivoluzione, Sinistra Classe Rivoluzione si è dotata di un secondo sito, rinnovando il vecchio dominio marxismo.net. Il nuovo marxismo.net, oltre ad accogliere i testi della rivista Falcemartello, approfondirà questioni di teoria marxista, metterà a disposizione testi classici ma offrirà anche un'analisi dei principali avvenimenti della nostra epoca sulla base delle armi teoriche del marxismo.

il vecchio sito di FalceMartello

Contatti

mail: redazione@marxismo.net

Iscriviti alla Newsletter

Showcases

Background Image

Header Color

:

Content Color

: